(Shamecards.org)

Shamecards” è una raccolta di 52 cartoline dedicate alle città americane colpite da sparatorie di massa. Il progetto denuncia la mancanza di leggi e politiche federali per contrastare la diffusione delle armi negli Stati Uniti.

Ci sono Atlanta, Chicago, Las Vegas, San Diego e Orlando. Ma anche centri più piccoli come Omaha in Nebraska e Bethel in Alaska. 
L’iniziativa è a cura di “Change The Ref”, un’associazione senza scopo di lucro fondata da Manuel e Patricia Oliver, i genitori di una delle 17 vittime di una sparatoria in una scuola di Parkland, in Florida. 

Nelle intenzioni degli organizzatori le cartoline hanno il compito di inondare la posta dei membri del Congresso, così da incoraggiare i parlamentari ad agire contro le lobby delle armi e fermare le stragi.

(Shamecards.org)
(Shamecards.org)
(Shamecards.org)

L’organizzazione si batte per una riforma della legge sulle armi, sensibilizzando il pubblico attraverso incontri, formazione e forme di attivismo.

Le persone potranno inviare digitalmente le cartoline ai rappresentanti del Congresso da qualsiasi Stato. Ancora prima del giorno del lancio ufficiale – previsto per San Valentino 2021, terzo anniversario della strage di Parkland – erano state inviate oltre 600 postcards. In alcune città saranno presenti anche stand e banchetti, dove prelevare le copie cartacee delle cards.

Ogni cartolina racconta la storia di una città americana colpita da una sparatoria di massa

Sulle cartoline, tra le lettere che formano i nomi delle città, compaiono immagini cruente delle stragi. Sulla card di Orlando c’è l’attentatore all’interno del Pulse Nightclub, un locale della città, con le pareti insanguinate e gli avventori rannicchiati negli angoli del bar.

La shamecard di Charleston, in Carolina del Sud, raffigura una chiesa episcopale un attimo prima che la scena si riempia di spari, urla e corpi sul pavimento.

All’interno delle lettere compaiono immagini cruente delle stragi

Anche i testi insistono sul tema delle sparatorie. “Il Connecticut è noto per le sue tranquille comunità”, dice la didascalia sul retro della cartolina della città di Newton. “Ma il 14 dicembre 2012 un uomo di 20 anni è entrato nella scuola elementare Sandy Hook e ha iniziato a sparare”.

La Florida è nota per la sabbia, il surf e le sparatorie scolastiche più letali nella storia degli Stati Uniti”, recita la shamecard di Parkland.

(Miami Herald)

Testi e progetto grafico delle cartoline sono a cura dell’agenzia Mullenlowe. Le illustrazioni sono realizzate da 30 giovani artisti provenienti da 25 paesi diversi, tra cui: Marcelo Maciel, Renato Barreto, Ivan A. Börmaister, Tim Vaccarino, Dave Weist, Adam Cote, Paula Gete-Alonso, Claudio Castagnola.  

Come vuoi essere ricordato?” è la domanda che l’associazione pone al pubblico sulle pagine del suo sito. “Ogni cartolina ti offre l’opportunità di ricordare al Congresso la condizione del tuo Stato e della tua città. Mandane una e fai sentire la tua voce”.