(drorhadadi)

Murielle Cohen è nata a Montreal, in Canada. Si è trasferita a Parigi da adolescente, poi ha vissuto a New York per 11 anni. Oggi disegna murales nelle strade di Tel Aviv, dove vive stabilmente. È attiva soprattutto nel quartiere Florentin, nel sud della città.

Cohen non ha frequentato scuole d’arte. Ha cominciato a comporre immagini astratte quando viveva in un kibbuz vicino Gaza. Da ragazza raccoglieva assi in legno dai cassonetti e li utilizzava per comporre collage e installazioni. Una delle sue prime serie si chiamava “Dancing Towards The Stars”, realizzata con materiali ritrovati in giro e composti in forme di ballerine d’antan.

In seguito ha utilizzato spesso materiali riciclati di scarto, come parti interne di televisori o vecchi elettrodomestici, mettendoli al centro delle sue produzioni.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Murielle Street Art (@murielle_street_art)

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Murielle Street Art (@murielle_street_art)

Cohen non ha frequentato scuole d’arte. Ha cominciato a realizzare le sue opere quando viveva in un kibbuz, vicino Gaza

Di recente Cohen si concentra soprattutto su icone pop globali e simboli della cultura locale. Ha realizzato opere in cui compaiono Topolino, Gesù e diversi presidenti israeliani.

La sua street art ha poco di clandestino. Generalmente chiede il permesso ai proprietari prima di realizzare le opere, a meno che non sia un luogo pubblico o una zona già frequentata da artisti della zona. In alcune interviste ha dichiarato di non voler lavorare di notte o preoccuparsi di fare qualcosa di illegale. Oggi il suo lavoro è particolarmente riconosciuto e apprezzato, riceve spesso commissioni dirette da negozianti e ristoratori.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Murielle Street Art (@murielle_street_art)

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Murielle Street Art (@murielle_street_art)

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Murielle Street Art (@murielle_street_art)

Nelle sue opere compaiono Topolino, Gesù e diversi presidenti israeliani

Oltre ai murales, Murielle è specializzata in ritratti. Ha raccontato che un giorno sfogliando un libro sulle opere di Matisse era rimasta colpita da alcuni profili realizzati a carboncino. Ne fu particolarmente ispirata e iniziò a disegnare volti. In alcuni video sulla sua pagina Instagram Cohen disegna ritratti di sconosciuti incontrati in strada, in 30 secondi, senza mai guardare la pagina.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Murielle Street Art (@murielle_street_art)

Negli ultimi anni la scena della street art a Tel Aviv sembra particolarmente viva. Sono molti gli artisti noti a livello internazionale, come Wonky Monky, Sened e Know Hope. Nel frattempo Cohen ha anche aperto una galleria a Florentin, la “Tiny Tiny Gallery”, dove ha ospitato le creazioni degli artisti del quartiere.

I murales di Murielle Cohen sono raccolti online e rappresentano punti di interesse, tra gli altri, per i turisti di Tel Aviv. Con le sue opere, ha raccontato, vuole difendere un’idea di originalità nella vita di tutti i giorni. “Non basta aggrapparsi alle tendenze. Non si può essere come pecore in un gregge”.